indietro

26/10/2020

Sportello Esperia. Orientamento e mediazione per persone straniere


 

Lo sportello Esperia è un servizio della Cooperativa Società Nuova di Belluno pensato per supportare le persone straniere nella richiesta di documenti, nella ricerca del lavoro o di un alloggio, nell’accesso all’assistenza sanitaria, alla scuola e alla formazione professionale. Lo sportello offre anche servizi di mediazione culturale, consulenza giuridica ed assistenza alla famiglia.

 

Lo sportello Esperia, nato sulla scorta dell’esperienza portata avanti dalla Cooperativa tra il 2014 e il 2019 con il Centro di Accoglienza, apre nella primavera del 2020 e, in pochi mesi, ha già raggiunto importanti risultati.

 

Le persone

 

Nel periodo Aprile - Agosto 2020 hanno avuto accesso allo sportello 51 persone.
84,6% uomini, 15,4% donne.
La maggior parte di loro proviene da paesi dell’Africa (Guinea, Senegal, Nigeria, Costa d’Avorio, Mali, Gambia, Ghana), altre provengono dalla Repubblica Domenicana oppure dal Pakistan. Non mancano però anche le persone provenienti da paesi europei (Ucraina, Moldava e Repubblica Ceca) e dall’Italia.

Le persone che in questi mesi si sono rivolte allo sportello Esperia hanno un’età compresa tra i 18 e i 30 anni, nel 63,3% dei casi. Tra i 30 e i 65 anni per il 32,7%.
E risiedono, per la maggior parte, in provincia di Belluno (84,6%). Un parte risiede fuori provincia (9,6%) e un’altra parte all’estero (5,8%)

 

Le motivazioni

 

Le motivazioni che spingono queste persone a rivolgersi allo sportello Esperia sono, nella metà dei casi, legate alla richiesta di supporto nella compilazione e presentazione agli uffici competenti di pratiche per il permesso di soggiorno o per il rilascio di alcuni documenti come, ad esempio, la tessera sanitaria. 

Altre si sono rivolte allo sportello per la ricerca di un alloggio (7,4%), altre per l’integrazione scolastica dei figli (1,5%), altre ancora per iniziare un percorso di orientamento (14,7%). 


Una buona percentuale di loro (19,1%) si è rivolta allo sportello Esperia per richiedere supporto nella ricerca di un lavoro o nell'affiancamento per la compilazione di pratiche legate all’emersione dal lavoro nero. In 4 mesi di attività lo sportello Esperia ha aiutato 24 persone ad affrancarsi dal lavoro nero, dando così loro il diritto, altrimenti negato, ottenere un permesso di soggiorno più stabile e duraturo o di regolarizzare la propria presenza sul territorio italiano.

 

Le collaborazioni

 

Fondamentale per lo sportello Esperia è stato il finanziamento della Fondazione Cariverona, tramite il bando “Servizi di prossimità” assegnatogli ad inizio 2020.
Il lavoro di Esperia viene portato avanti dalla Cooperativa Società Nuova sostenuta da un partenariato di progetto che coinvolge diversi enti del mondo dell’istruzione, della formazione professionale e del sociale e che è così composto: l’associazione Belluno Donna, l’Istituto Comprensivo Belluno Tre, ENAIP Veneto, ENAC Veneto, CPIA Belluno.
Nel corso di questi primi mesi di attività si sono sviluppate anche con altre realtà come: Caritas Belluno, CGIL Belluno-Feltre,
Università IUAV di Venezia e Veneto Lavoro.