indietro

01/10/2020

Antonella Bordin: da 8 anni portantina all’ospedale di Feltre


Chi sono le portantine? Quali mansioni svolgono? Oggi la rubrica #socIO racconta un servizio che la Cooperativa Società Nuova porta avanti dal 1997 ma che in pochi conoscono. Abbiamo intervistato Antonella Bordin: portantina, presso l’ospedale di Feltre, dal 2012.


Per questo incontro non ci spostiamo dalla scrivania. La restrizioni legate al Covid-19 non ci consentono di entrare in ospedale senza un motivo di tipo sanitario e allora appuntamento su Whatsapp per una video intervista.


Dopo un paio di squilli il viso di Antonella compare sullo schermo. Sorridente e un po’ intimorita, ci accoglie nel quartier generale delle portantine: un ufficio all’interno dell’ospedale dove lei e le sue colleghe ricevono le chiamate dai reparti. Le portantine sono 12, più due che entrano in servizio in caso sia necessaria una sostituzione per ferie o malattia. Sono tutte donne e sono organizzate in maniera eccellente.


“Il nostro è un lavoro di supporto all’equipe sanitaria: svolgiamo quelle mansioni che permettono lo scorrimento snello dell’attività di medici ed infermieri. 


Noi portantine, lo dice il nome stesso, portiamo. Ci occupiamo di trasportare documenti dal reparto alla segreteria, oppure agli uffici. Di trasportare i campioni per i prelievi e le analisi. Di accompagnare negli spostamenti i pazienti che non hanno particolari problematiche.


La nostra giornata lavorativa inizia con un giro fisso nel reparto che ci è stato affidato. Per il resto della mattina siamo organizzate in tre squadre. Una, formata da 4 di noi segue solo il servizio di radiologia. Un’altra, formata da sei persone, segue gli altri reparti. Da un anno il nostro orario di lavoro si è allungato al pomeriggio. Due colleghe infatti seguono i reparti di geriatria e medicina che necessitano di maggiore supporto.”


Mentre Antonella ci racconta come funziona il lavoro delle portantine, sentiamo il telefono che squilla continuamente in sottofondo. Una collega risponde, in pochi secondi attacca e raggiunge il reparto da dove è partita la chiamata. Pochi attimi di silenzio e il telefono squilla di nuovo: c’è bisogno di un’altra portantina in un altro reparto. 


Vedi?” dice Antonella sorridendo “il nostro lavoro è un ottimo sostituto della palestra. Ci teniamo in forma. Non ci fermiamo mai, siamo sempre in movimento.
Ricordo i primi giorni quando ho imparato ad orientarmi nei corridoi dell'ospedale. Non è stato facile ma per fortuna ho sempre incontrato persone pronte a darmi una mano. Aiutare è parte del lavoro di una portantina. Lavorando impariamo a capire le esigenze di tutti, a volte anche a prevederle.


Aiutare è quello che le portantine fanno. In silenzio, sempre al servizio di medici ed infermieri che trovano in loro un grande supporto. Così è stato anche nei difficili mesi della primavera scorsa, quando è esplosa l’emergenza Covid.


Noi siamo state fortunate” dice Antonella “abbiamo continuato a lavorare, a renderci utili. Certo anche per noi non è stato facile. Anche noi avevamo dei timori ma siamo state tutelate. Eravamo protette dai dispositivi e non entravamo mai nei reparti, a contatto con i pazienti. Ci siamo dette che la cosa giusta da fare era continuare a tenere un atteggiamento positivo, portando avanti il nostro lavoro. E così abbiamo fatto.


Cosa significa per te Antonella essere una socia lavoratrice di Società Nuova?


Quando ne ho avuto bisogno la Cooperativa mi ha accolta, dandomi un lavoro. Per me che venivo da una realtà di fabbrica entrare a far parte di un ambiente di lavoro che ti considera una persona e non un numero è stato un bel cambiamento


Sono felice del lavoro che faccio, mi da soddisfazione e il rapporto con le colleghe è ottimo. Inoltre, anche se il nostro servizio è dislocato, cerco di partecipare alla vita di cooperativa. La Lungardo in Fest ad esempio è un buon momento di incontro, un’occasione per sentirmi parte di questa grande realtà.

Quello che mi auguro è che il servizio delle portantine continui ad esistere. Dato che funziona tramite gara d'appalto.